Come aumentare le prestazioni del pc

Come aumentare le prestazioni del computer

Il software esclusivio e gli upgrade definitivi per fare un’iniezione di potenza extra al tuo sistema. Vediamo ora Come aumentare le prestazioni del pc

Come aumentare le prestazioni del computer con un solo software

DOWNLOAD A FINE ARTICOLO

Come aumentare le prestazioni del pc. Appena acquistato, il nostro computer è veloce, scattante, si avvia in pochi secondi e tutto funziona correttamente. Col passare tempo, però, le cose cambiano e senza un apparente motivo diventa tutto più lento. Occorrono anche diversi minuti affinché si avvii, le applicazioni si caricano in molto più tempo e la navigazione sul Web diventa davvero stressante. Eppure un computer non è come una persona che ha bisogno di allenamento per stare in forma, né ha parti meccaniche che si usuranocome un’automobile.

Le cause che possono rendere lento il PC sono varie e possono essere imputabili all’installazione di programmi indesiderati, infezioni da malware, componenti aggiuntivi del browser, troppi processi attivi in background, hardware obsoleto, driver non aggiornati o poca RAM. Fortunatamente porvi rimedio non è affatto difficile e nella maggior parte dei casi non siamo neanche costretti a mettere mano al portafoglio. A meno che non si tratti di eseguire un upgrade hardware, come il passaggio a un disco SSD o la sostituzione della memoria RAM, le soluzioni

che vedremo sono tutte a costo zero e ci permetteranno di riavere il nostro computer in perfetta forma, pronto ad assisterci nei compiti quotidiani come quando lo abbiamo acquistato.

Il tool che velocizza Windows (come aumentare le prestazioni del pc)

WinOptimizer offre una suite di strumenti che consentono di ottimizzare tutti gli aspetti d’uso del sistema operativo.

Ecco come registrare la nostra copia per ottenere il codice seriale che sblocca tutte le funzionalità del software.

Scompattiamo l’archivio WinOptimizer.zip che troviamo qui Super Speed Toolkit 2018 ed eseguiamo il file ashampoo_winoptimizer_2017_25357.exe per avviare l’installazione della suite. Scegliamo la lingua italiana, clicchiamo OK e Accetto e procedo .
Procuriamoci la chiave Ci verrà richiesta la chiave di licenza. Procuriamocela cliccando Ottieni una chiave di attivazione gratuita . Nella pagina Web che si apre inseriamo la nostra email e clicchiamo Richiedi chiave per versione completa . Quindi premiamo Fai clic qui nell’email inviataci da Ashampoo.
Ecco la nostra chiave Verremo reindirizzati a una pagina Web in cui inserire alcune informazioni personali. Clicchiamo Fatto. Continua! per visualizzare la chiave di licenza. Copiamola ( Ctrl+C ), torniamo alla finestra di installazione del software, incolliamola ( Ctrl+V ) e clicchiamo Attiva ora , Avanti e Fine .

MESSA A PUNTO DEL SISTEMA CON UN CLIC

Come aumentare le prestazioni del pc.

WinOptimizer 2017 è un programma avanzato che ci permette di agire su ogni aspetto nel nostro computer per migliorarne le prestazioni. Per chi, però, non ha molto tempo e vuole ottimizzare velocemente il sistema mette a disposizione la funzione Ottimizzatore a un clic attraverso la quale è possibile correggere i problemi principali con un semplice clic. Per avviare questa ottimizzazione veloce basta cliccare sull’icona presente sul Desktop oppure andare nella sezione 2 e selezionare Ottimizzatore a un clic.

Questo modulo avvia automaticamente un’analisi del computer utilizzando uno di seguito all’altro i moduli Pulizia Internet, Pulizia dischi e Ottimizzatore Registro. Al termine dell’analisi ci verrà visualizzato un quadro riassuntivo di tutti i problemi rilevati. Cliccando sull’icona col blocco note accanto ad ognuno dei tre moduli possiamo avere un dettaglio dei problemi rilevati e quindi decidere cosa correggere o meno. quando siamo certi di voler procedere basta che clicchiamo sul tasto Elimina ora e WinOptimizer 2017 correggerà tutti i problemi che sono stati riscontrati sul nostro computer.

ELIMINIAMO I PROGRAMMI INDESIDERATI

Col tempo sul nostro PC si accumulano programmi che abbiamo installato, magari solo per provarli, e di cui poi ci siamo anche dimenticati della loro esistenza, file temporanei, vecchi backup e altri dati inutili. Tutti questi file vanno ad occupare spazio inutilmente sul nostro computer, ma con una bella pulizia potremmo rimuoverli e liberare memoria. La prima cosa che possiamo fare, quindi, è proprio quella di disinstallare i vecchi programmi che non utilizziamo più. Per farlo andiamo nella sezione Moduli di WinOptimizer 2017 e da Migliora prestazioni selezioniamo il modulo Gestione disinstallazioni. Avremo così un quadro di tutti i programmi installati sul nostro computer e ci verrà anche indicato lo spazio occupato sul disco da ognuno di loro. Per eliminarne uno basterà selezionarlo e cliccare sull’icona Disinstalla applicazione.

CANCELLIAMO LA SPAZZATURA ACCUMULATA NEL DISCO

Un altro passaggio importante per ottimizzare e velocizzare il sistema operativo consiste nella cancellazione di tutti i file inutili che col tempo si sono accumulati nell’hard disk. Per trovarli facilmente WinOptimizer 2017 ci mette a disposizione il modulo Pulizia dischi. Questo è uno degli strumenti più potenti e utili presenti nella suite perché permette di cancellare tantissima spazzatura in pochi secondi. Per avviarlo basta andare in Tutti i moduli e selezionarlo da Manutenzione sistema.

WinOptimizer non solo rileverà tutti i file spazzatura, ma ci indicherà anche lo spazio che andremo a recuperare sul disco rigido eliminandoli. In generale possiamo fidarci di WinOptimizer: se ci dice che questi file sono superflui, possiamo essere sicuri che è vero. Ma se abbiamo qualche dubbio e vogliamo toglierci ogni scrupolo, non dobbiamo fare altro che cliccare sulla lente di ingrandimento mostrata accanto ai vari gruppi. In questo modo potremo controllare nello specifico i file che sono stati giudicati eliminabili ed eventualmente escluderli dalla lista togliendo il segno di spunta.

Al termine basterà cliccare sulla voce Sommario e completare l’eliminazione cliccando su Elimina ora. Se nonostante queste operazioni di pulizia lo spazio sul nostro disco continua a scarseggiare, possiamo provare a eliminare i file che occupano più spazio. Per trovarli WinOptimizer 2017 mette a disposizione lo strumento Esplora Spazio Disco che possiamo trovare nella categoria Analisi del sistema sempre presente in Tutti i moduli.

Dopo averlo avviato dovremo innanzitutto selezionare il disco di cui vogliamo analizzare lo spazio e premere il tasto Avvia. Un grafico a torta ci mostrerà come sono distribuiti i file sul disco e ci permetterà di trovare velocemente le cartelle che occupano più spazio. Cliccando sul tasto File possiamo invece visualizzare l’elenco dei file ordinati per dimensione: questo ci permetterà di trovare quelli che occupano più spazio ed eliminarli velocemente.

METTIAMO ORDINE NEL REGISTRO DI CONFIGURAZIONE

Molti già sanno quanto sia importante per il corretto funzionamento di Windows il Registro di sistema. Qui i programmi memorizzano i parametri necessari al loro funzionamento. Di conseguenza il sistema operativo a intervalli regolari deve accedere a questo file. Col tempo però l’installazione e la disinstallazione dei programmi fa sì che il registro di sistema diventi sempre più grosso e pieno di dati inutili e corrotti che non fanno altro che rallentare il funzionamento di Windows.

Per correggere questi errori e snellire il registro del sistema, WinOptimizer 2017 ci mette a disposizione il modulo Ottimizzatore registro che possiamo trovare nella categoria Manutenzione sistema. Il suo uso è molto simile agli altri moduli che abbiamo visto precedentemente. Anche in questo caso i file da eliminare e correggere sono suddivisi per categorie: cliccando sulla lente di ingrandimento possiamo accedere all’elenco dettagliato degli errori rilevati e manualmente decidere quali correggere e quali lasciare. Al termine potremo correggere tutti i problemi cliccando sul tasto Elimina ora.

VELOCIZZIAMO WINDOWS BLOCCANDO I SERVIZI IN BACKGROUND

Oltre ai programmi indesiderati, ci sono tanti servizi che vengono avviati con Windows e che vanno ad occupare la RAM. Questi rimangono attivi in background e rallentano il sistema. Per rendersi conto di quanti siano questi servizi basta avviare il modulo Gestione Servizi che troveremo sempre nella categoria Migliora prestazioni. Ci verrà quindi mostrato un elenco di tutti i servizi attualmente attivi sul nostro computer e potremmo decidere così quali disabilitare e quali fare in modo che si avviino solo quando servono. Naturalmente non è facile capire quali servizi siano effettivamente indispensabili, ma fortunatamente WinOptimizer 2017 ci viene in aiuto. Per i servizi indispensabili viene mostrata l’icona Servizio richiesto.

Per tutti gli altri servizi invece viene indicata una valutazione con alcune stelline che ci dicono quali utenti trovano utili questi servizi. Quelli attualmente in funzione sono indicati con un nella colonna Avviato, in Tipo avvio invece possiamo vedere come il servizio viene avviato. Abbiamo quattro opzioni a disposizione. Possiamo disattivare completamente un servizio, scegliere di avviarlo manualmente, impostare che venga avviato automaticamente oppure possiamo selezionare l’opzione avvio Automatico (ritardato): in questo modo il servizio viene avviato con Windows ma non immediatamente in modo che il suo avvio non interferisca con quello degli altri servizi. Per scegliere il tipo di avvio ideale WinOptimizer 2017 ci visualizza nella barra in basso una descrizione dello stesso con una serie di raccomandazioni. Una volta presa la decisione, possiamo cliccare sul tasto Tipo avvio e selezionare quello che vogliamo impostare per il servizio.

NAVIGARE SUL WEB SEMPRE ALLA MASSIMA VELOCITÀ

WinOptimizer 2017 non solo ci permette di migliorare le performance di Windows ma anche di velocizzare la navigazione su Internet. Molti pensano che la velocità di navigazione sul Web dipenda esclusivamente dalla propria connessione di casa (ADSL o Fibra), ma ci sono anche diversi parametri del sistema che possono influenzarla. Questi parametri sono nascosti e difficili da accedere, ma utilizzando il modulo Sintonizza Internet presente in Migliora prestazioni potremo configurarli facilmente.

Questo modulo è suddiviso in due sezioni. La prima è quella indicata Automaticamente che ci permette di ottimizzare automaticamente il sistema e il browser in base alla nostra connessione a Internet. Si tratta di una funzionalità molto comoda perché sarà WinOptimizer a farsi carico di modificare le impostazioni di Windows nel modo più opportuno per la nostra connessione. Non dovremo far altro che selezionare il tipo di connessione che usiamo e l’adattatore col quale ci colleghiamo al modem e poi cliccare sul tasto Regolazione automatica.

Gli utenti più esperti invece possono accedere a tutte le impostazioni e ai parametri di Windows che riguardano a connessione andando nella scheda Manuale. Qui sono disponibili una serie di schede dove l’utente può modificare tutte le impostazioni nascoste tra cui l’MTU che consente di impostare la dimensione dei pacchetti dati. In genere maggiore è la banda a disposizione e più alto può essere il valore MTU da impostare. Possiamo anche provare a trovare il valore MTU ottimale andando nella scheda Misura automatica MTU.

Altri parametri che si possono impostare sono l’RWIN, che è il numero di byte che il server invia prima di aspettarti una risposta, il TTL, che definisce il numero dei server che un pacchetto di dati può attraversare prima che sia considerato non valido, e il QoS, che consente di assegnare una banda maggiore ai pacchetti di dati importanti come ad esempio quelli dedicati al flusso dei video in streaming. Una volta scelte le impostazioni basterà cliccare su Applica per confermarle.

RIPULIAMO IL BROWSER PER SFRECCIARE SU INTERNET

Sono numerosi i file inutili che si accumulano nel browser durante la navigazione su Internet. Foto, video, cookie, cronologia e tutto il resto col tempo possono andare ad occupare anche molto spazio. Per cancellare tutti questi file utilizziamo il modulo Pulizia Internet che troviamo nella categoria Manutenzione sistema. Prima di avviarlo assicuriamoci però che i browser siano chiusi altrimenti l’operazione di pulizia non potrà essere seguita in modo completo. Rimarremo sorpresi da quanto spazio si potrà recuperare con l’eliminazione dei file accumulati nei browser. Anche in questo caso possiamo deselezionare manualmente i file da cancellare cliccando sul tasto con la lente d’ingrandimento presente accanto al browser e poi completare la cancellazione cliccando sul tasto Elimina ora.

INDAGHIAMO SUI PROCESSI MISTERIOSI “MANGIA-RAM”

Quando rileviamo comportamenti strani, ad esempio il PC che va in crash all’improvviso, la pagina iniziale del browser che è cambiata o finestre pubblicitarie che si aprono da sole, questo è il segnale che il computer potrebbe essere rimasto infettato da qualcosa. I responsabili di tutto ciò non sono rilevabili attraverso l’applicazione Gestione attività di Windows, ma ci viene in aiuto il tool gratuito Autoruns che permette di scovare tutte le applicazioni che sono avviate con Windows. Autoruns non va installato.

Basta scompattare l’archivio compresso in una cartella del PC, cliccare col tasto destro sul file autoruns.exe e selezionare Esegui come amministratore. Una volta avviato, andare in Option e selezionare Scan Options. Spuntare le caselle Check VirusTotal.com e Symbit Unknown Images e cliccare Rescan button. Questo ci permetterà di verificare attraverso il database di VirusTotal se ci sono software malevoli. Dopo aver dato il consenso, Autoruns impiegherà qualche secondo per rilevare tutti i processi e le applicazioni avviate con Windows, incluse chiavi di registro, componenti aggiuntivi dei browser e driver.

Non spaventiamoci se l’elenco è molto corposo: lo è anche su un computer pulito ed è del tutto normale. Per ridurlo, andiamo in Option se selezioniamo Hide Empty Locations e Hide Microsoft Entries. Scorrendo la lista possiamo poi considerare sicure tutte le voci che nella colonna ImagePath presentano la scritta File not found e tutte quelle che nella colonna VirusTotal presentano la scritta Impossibile trovare il file specificato. Questo ci dice che il file non è più presente nel sistema ma appare nell’elenco perché magari c’è ancora qualche chiave del registro non aggiornata. Poniamo quindi attenzione alla colonna VirusTotal.

Per ogni voce viene assegnato un punteggio. Questo punteggio ci dice quanto è sicuro il software. Le voci con punteggio basso come 1o 2 possono essere ignorate e considerate ugualmente sicure: si può associarle a un errore statistico. Per quelle invece che hanno un punteggio alto, basta cliccare sul link di VirusTotal per aprire una pagina Web con informazioni dettagliate. Opzionalmente possiamo indagare su un’applicazione specifica cliccandoci sopra col tasto destro e selezionando Search Online. Avremo quindi una serie di risultati riportati da diversi siti che forniscono informazioni sul processo specifico. File.net è un sito che ci dice, ad esempio, se un file è sicuro; Processlibrary.com, invece, fornisce informazioni sul processo e sul perché è in esecuzione; Shoudiblockit.com, infine, ci dice se dovremmo bloccare o meno il processo.

OTTIMIZZIAMO L’USO DELLA RAM

Durante il suo normale utilizzo, Windows utilizza la RAM per memorizzare le informazioni di configurazione e funzionamento dei programmi in esecuzione in quanto si tratta di una particolare memoria con una velocità di lettura e trasferimento dati molto più veloce rispetto a quella dell’hard disk e che ha la caratteristica di svuotarsi completamente solo allo spegnimento del computer. Purtroppo, però, l’utilizzo della RAM non viene sempre gestito al meglio e ciò comporta notevoli rallentamenti dell’intero sistema operativo. Per migliorare le prestazioni del computer conviene quindi ottimizzare la RAM svuotandola da tutti i dati relativi ai programmi usati e poi chiusi, senza dover necessariamente spegnere il computer. Per farlo in maniera completamente automatica, possiamo usare un tool come

Minimem che non richiede installazione per funzionare. Una volta avviato, il programma indica un elenco con tutti i processi in esecuzione nel sistema che occupano più di 15 MB di RAM, dandoci la possibilità di scegliere singolarmente quelli da ottimizzare. Dopodiché, effettua un controllo ogni 30 secondi su questi processi procede a liberare automaticamente la RAM occupata inutilmente.

Ricordiamo a tutti i nostri lettori di impero informatico che una volta scaricato il software bisogna richiedere la licenza di attivazione tramite l’e-mail (completamente gratis) Buon Download a tutti

Download Ashampoo Uninstaller 2017

 

 

Sapevi che.. Amazon ti entra in casa

ll corriere di Amazon arriva con il nostro pacco, noi non ci siamo e non c’è il portiere, ma non è un problema. Apre la porta di casa e fa la consegna. Possibile già negli Stati Uniti, dall’8 novembre scorso, in 37 città. Funziona per chi ha installato il sistema Amazon Key, composto di una serratura intelligente e una videocamera (Cloud Cam). Funziona così: il fattorino scansiona il codice a barre del pacco per attivare il sistema, che fa partire la videocamera e al tempo stesso sblocca la serratura della porta di casa (il comando viene mandato via Internet, grazie a una password temporanea generata via cloud, valida solo per quella volta). L’utente riceve un avviso e un video con la registrazione del tutto. Amazon Key (www.amazon.com) costa 249,99 dollari e prima o poi – se il test andrà bene negli Usa – arriverà anche da noi.

LEGGI ANCHE: Crea un blog di successo e inizia a guadagnare parecchio